8 Luglio, 2020

Cos'è il Pixel di Facebook e perché devi assolutamente iniziare ad usarlo

Ciao a tutti! Oggi parliamo di uno strumento tanto utile (ed economico) quanto semplice da usare: il pixel di Facebook.   
Anche se probabilmente alcuni di voi lo conoscono o lo usano già, partiamo dalle basi: il pixel di facebook è un piccolo frammento di codice che, attraverso l’attivazione di cookie che monitorano le interazioni degli utenti sul vostro sito web, vi permetterà di aumentare il ROI (return on investment). 
Come? Scopriamolo insieme! 👇

Raccolta dati e analisi del pubblico

Come vi abbiamo spiegato in un post di qualche settimana fa, i dati sono il petrolio del nuovo millennio. Per questa ragione è fondamentale raccogliere i dati e analizzarli. Il pixel permette di ottenere informazioni (ovviamente in forma anonima) sul vostro pubblico, come sesso e età ma anche gusti e interessi. In questo modo sarà più facile capire qual è il vostro target e quale audience state raggiungendo. 

Creazione di pubblici simili

Grazie a questa funzionalità, sarà possibile ridurre notevolmente gli investimenti in campagne pubblicitarie. Come? Nel marketing digitale il prezzo viene “deciso” automaticamente sulla base di diversi fattori, uno di questi è  l’ampiezza del pubblico. Indirizzando quindi una pubblicità a un generico pubblico italiano tra i 18 e i 65 anni, ad esempio, l’audience sarà di dimensioni notevoli. Ecco, grazie al pixel sarà possibile restringere il vostro pubblico solo a chi condivide determinate caratteristiche o interessi con coloro che hanno già visitato il sito, determinando quindi, oltre a un investimento più basso in termini di budget, anche la scelta di un pubblico che abbia maggiori probabilità di mostrare interesse per il vostro prodotto. 

Retargeting

Probabilmente l’aspetto più utile ed interessante del pixel di Facebook, il retargeting permette di convertire fino a 7 volte di più e con un investimento nettamente inferiore. Questo perché grazie al retargeting è possibile mostrare annunci personalizzati alle persone che hanno già visualizzato il vostro sito. In poche parole è quello che succede quando cercate un paio di scarpe su Amazon e nei giorni successivi queste vi seguono su tutti i banner e pubblicità social. In questo modo potete andare a recuperare quei potenziali clienti che per un motivo o per l’altro non hanno completato l’acquisto.    
Se ci pensate, questo aspetto è ancora più rilevante per ciò che riguarda l’industria travel.   
In questo ambito, infatti, l’acquisto è raramente impulsivo. I fattori da considerare prima della scelta di un viaggio sono molti e proprio per questo è fondamentale andare a stuzzicare coloro che hanno già dimostrato interesse. 

Usate già Facebook Ads? Se lo fate l’utilizzo del Pixel è un aspetto che non potete assolutamente trascurare. Se non lo state ancora usando, invece, il nostro consiglio è quello di installare comunque il pixel di Facebook già da ora. In questo modo, potrà cominciare da subito a raccogliere i dati che vi serviranno successivamente quando sarete pronti per creare i primi annunci sponsorizzati su Facebook. 

Vuoi leggere altri contenuti come questo? Entra nella nostra community!

Come con Apical abbiamo dato il via al nostro progetto di esperienze: Jauntree

All’inizio non è facile: organizzare e vendere esperienze online da zero per molti è a tutti gli effetti impossibile. Dai costi legati alla fondazione del progetto e alla burocrazia, passando per gli adempimenti amministrativi e alla direzione tecnica capita a molti di fermarsi ancora prima di partire. Apical è la startup tecnologica che crede fermamente che i migliori creator, anche se ai primi passi, meritino il massimo del supporto.

Read More »

Vendere una volta sola è un errore. Il backend funnel per il mercato travel ed eventi: cos’è?

Oggi parliamo di backend funnel, un concetto che a molti di voi non dirà nulla ma che cercherò di rendere quanto più semplice possibile. Molti di noi quando si approcciano alla vendita si limitano a pensare in termini di “Offerta – Conversione”, accontentandosi di vendere un proprio prodotto ai propri potenziali clienti. Niente di più sbagliato!

Read More »

Travel blogger: oltre all’apparenza c’è un modello di business?

Oggi parliamo di una professione in enorme crescita negli ultimi anni: il travel blogger.
Molti di voi leggendo questa frase storceranno il naso pensando “Ah, è una professione?”. Ebbene sì, è un vero e proprio lavoro con la L maiuscola.
Essere un travel blogger non vuol dire solamente viaggiare, scattare belle foto e scrivere qualche frasetta. Gestire un blog può diventare un lavoro a tempo pieno. Se siete tra quelli che hanno storto il naso all’affermazione iniziale, o se volete semplicemente saperne di più, questo è l’articolo che fa per voi. Voglio spiegarvi brevemente chi è il travel blogger, cosa fa nella vita, quali sono i requisiti per diventare un travel blogger, e infine la domanda che molti si pongono: in che modo guadagnano?

Read More »