8 Luglio, 2020

Cos'è il Pixel di Facebook e perché devi assolutamente iniziare ad usarlo

Ciao a tutti! Oggi parliamo di uno strumento tanto utile (ed economico) quanto semplice da usare: il pixel di Facebook.   
Anche se probabilmente alcuni di voi lo conoscono o lo usano già, partiamo dalle basi: il pixel di facebook è un piccolo frammento di codice che, attraverso l’attivazione di cookie che monitorano le interazioni degli utenti sul vostro sito web, vi permetterà di aumentare il ROI (return on investment). 
Come? Scopriamolo insieme! 👇

Raccolta dati e analisi del pubblico

Come vi abbiamo spiegato in un post di qualche settimana fa, i dati sono il petrolio del nuovo millennio. Per questa ragione è fondamentale raccogliere i dati e analizzarli. Il pixel permette di ottenere informazioni (ovviamente in forma anonima) sul vostro pubblico, come sesso e età ma anche gusti e interessi. In questo modo sarà più facile capire qual è il vostro target e quale audience state raggiungendo. 

Creazione di pubblici simili

Grazie a questa funzionalità, sarà possibile ridurre notevolmente gli investimenti in campagne pubblicitarie. Come? Nel marketing digitale il prezzo viene “deciso” automaticamente sulla base di diversi fattori, uno di questi è  l’ampiezza del pubblico. Indirizzando quindi una pubblicità a un generico pubblico italiano tra i 18 e i 65 anni, ad esempio, l’audience sarà di dimensioni notevoli. Ecco, grazie al pixel sarà possibile restringere il vostro pubblico solo a chi condivide determinate caratteristiche o interessi con coloro che hanno già visitato il sito, determinando quindi, oltre a un investimento più basso in termini di budget, anche la scelta di un pubblico che abbia maggiori probabilità di mostrare interesse per il vostro prodotto. 

Retargeting

Probabilmente l’aspetto più utile ed interessante del pixel di Facebook, il retargeting permette di convertire fino a 7 volte di più e con un investimento nettamente inferiore. Questo perché grazie al retargeting è possibile mostrare annunci personalizzati alle persone che hanno già visualizzato il vostro sito. In poche parole è quello che succede quando cercate un paio di scarpe su Amazon e nei giorni successivi queste vi seguono su tutti i banner e pubblicità social. In questo modo potete andare a recuperare quei potenziali clienti che per un motivo o per l’altro non hanno completato l’acquisto.    
Se ci pensate, questo aspetto è ancora più rilevante per ciò che riguarda l’industria travel.   
In questo ambito, infatti, l’acquisto è raramente impulsivo. I fattori da considerare prima della scelta di un viaggio sono molti e proprio per questo è fondamentale andare a stuzzicare coloro che hanno già dimostrato interesse. 

Usate già Facebook Ads? Se lo fate l’utilizzo del Pixel è un aspetto che non potete assolutamente trascurare. Se non lo state ancora usando, invece, il nostro consiglio è quello di installare comunque il pixel di Facebook già da ora. In questo modo, potrà cominciare da subito a raccogliere i dati che vi serviranno successivamente quando sarete pronti per creare i primi annunci sponsorizzati su Facebook. 

Vuoi leggere altri contenuti come questo? Entra nella nostra community!

Quanto valgono i clienti affezionati: lo studio e i 3 modi per attirarli

La regola del 20-225 è stata riportata dagli economisti Cooper e Kaplan, ricercatori alla Harvard Business School e autori di uno studio che ha riguardato aziende pubbliche e private, di piccole e grandi dimensioni e di orientamento BtoB (business to business) e BtoC (business to consumer).
Secondo i dati è emerso che in tutti i modelli di business il 20% dei clienti più affezionati, i True Fan, sono i responsabili del 225% dei profitti, mentre il restante 80% dei nostri clienti hanno un valore negativo sui profitti del -125%.

Read More »

Digitalizzazione nelle Travel Industries: un processo inarrestabile

Il processo di digitalizzazione nell’industria travel sta procedendo ad una velocità incredibilmente elevata. Secondo la Digital Transformation Initiative (DTI) del World Economic Forum, tra il 2016 e il 2025 la digitalizzazione nel settore aeronautico, dei viaggi e del turismo dovrebbe creare fino a 305 miliardi di dollari di valore per l’industria attraverso una maggiore redditività. Si prevede di trasferire fino a 100 miliardi di dollari di valore dai player tradizionali a quelli nuovi e di generare benefici per un valore di 700 miliardi di dollari per i clienti e per la società in generale. L’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite (UNWTO) ha dichiarato, nel suo rapporto del 2016, che “la tecnologia pervade ogni area del turismo e deve avere la massima priorità nello sviluppo della forza lavoro per l’industria”. All’inizio non è facile: organizzare e vendere esperienze online da zero per molti è a tutti gli effetti impossibile. Dai costi legati alla fondazione del progetto e alla burocrazia, passando per gli adempimenti amministrativi e alla direzione tecnica capita a molti di fermarsi ancora prima di partire. Apical è la startup tecnologica che crede fermamente che i migliori creator, anche se ai primi passi, meritino il massimo del supporto.

Read More »